che fare?

 

2017-01-22-09-33-47

E’ la domanda che ci poniamo in molti dopo quello che è successo alla Cascina Bagaggera, disarmati di fronte  allo vista del giorno dopo.

E la risposta che ci siamo dati, è che nell’immediato la cosa più semplice è passsare di lì, alla bottega, dove si trovano i prodotti tipici dell’Azienda, con l’accoglienza di sempre. Passaparola!

20170120_160627

2017-01-22-09-27-58

2017-01-22-09-31-58

2017-01-22-09-31-28

 

Annunci

i bambini e la raccolta delle uova

Il PROGETTO BIOPOLLAIO sta per entrare nel 6° anno di vita, nacque nel lontano 2011 con 9 MESI di prova e 75 galline. Oggi ne abbiamo 120 e siamo 42 famiglie partecipanti. I nostri bambini crescono, ma la raccolta delle uova e la chiusura del pollaio rimane un momento sempre di grande entusiasmo. Grazie a Carlo e Giulia per le foto!

Brindisi finale e si ricomincia!

 

20160409_115010

20160220_110855

20160409_112632

Finiti i lavori principali di ristrutturazione dei pollai, è da un paio di mesi che sono arrivate le nuove galline, circa 130, da pulcini allevati seguendo il metodo bio del Trentino. Siamo al terzo ciclo di galline del Progetto Biopollaio, iniziato con la costruzione dei pollai nel lontano marzo 2011. Anche per il biennio passato abbiamo tenuto il conto delle uova prodotte, mese per mese, che abbiamo  riassunto nei due grafici in fondo. E’ palese che il picco di produzione delle uova è sempre in questi mesi primaverili, (come anche in questo periodo con le nuove galline, con tante uova), in cui abbiamo le giornate più lunghe dell’anno, con un calo che inizia dal mese di luglio in poi.

Il calo di produzione del secondo anno è evidente, dovuto sia al numero di galline che diminuiscono per morte naturale (da 130 a 90 circa), sia alla minor produzione della singola gallina.

produzione uova anni 2013/2015: grafici_produz_2013_2015

 

Quale razza per un Biopollaio?

Sabato 24 gennaio  incontrermo Fabio Mosca, ricercatore agronomo dell’università di Milano con cui parleremo di razze di ovaiole. Ci faremo raccontare l’importanza della scelta della razza all’interno di un Biopollaio, e quale potrebbe essere adatta alle nostre esigenze.

Con chi vuole ci vediamo SABATO 24 GENNAIO  ore 9,00 alla casetta in Bagaggera

la produzione di quest’anno: quanto abbiamo pagato

 

Queste le uova prodotte da ottobre 2013, cioè da quando abbiamo cominciato il ciclo con le nuove galline.

 

N° uova mensili Media/giorno
Ottobre 472 15,2
Novembre 710 23,7
Dicembre 990 31,9
Gennaio 1337 43,1
Febbraio 1478 52,8
Marzo 2529 81,6
Aprile 2483 82,8
Maggio 2516 81,2
Giugno 2178 72,6
Luglio 2391 77,1
Agosto 1540 49,7

 

Totale raccolta uova (progressivo da Ottobre 2013) 18624
Totale uova spettanti al GAS (progressivo da Ottobre 2013) 9312
N° uova per ogni gasista (progressivo da Ottobre 2013) 198,1

 

Costi ristrutturazione 2013/14 euro
Tubo acqua 150
Allaccio Contatore acqua+tubo+rubinetti+manodopera 299
Tubo per cavo( 30 ) + Cavo(120) 150
Pannello+impianto luce+manodopera elettricista (155) 155
Piastrelle – 360
Legname dormitorio (80) 80
Ondulato per Tetto nuovo + viti di fissaggio 350
Anselmo: Disinfettante, griglie esterne, materiale consumo + Grondaie
223
Giuliano – Varie 24
Giuliano – Spese Gestione pulcini 40 € 40
TOTALE costi ristrutturazione 1831
A carico del GAS (Metà dei costi di ristrutturazione) 927

Fonte ed elaborazione dati: alberto

 

Con questi costi, per la maggior parte dovuti a ristrutturazione e di migliorie pollai, che abbiamo sostenuto da ottobre 2013, che si aggiungono quindi a quelli della normale gestione del pollaio, il costo sostenuto da ogni gasista per un uovo è stato di 0,30 euro. Siccome uno degli obiettivi del progetto è mantenere i costi ad uno standard in linea con quello che pagheremmo al supermercato per un uovo bio, oltre ad aver raggiunto l’obiettivo possiamo ben sperare che il prossimo anno, se la produzione rimarrà ai livelli di quest’anno, il costo/uova possa diminuire.

Con l’autunno alle porte, e la diminuzione del periodo di luce, le galline hanno iniziato a produrre decisamente di meno, per cui avremo meno uova ogni settimana, e a breve dovremo iniziare ad alternare le settimane in cui prendere le uova.

Poi a gennaio, quando le giornate tornano ad allungarsi, la produzione riprenderà a pieno ritmo.